venerdì 23 marzo 2012

Note dal mio ultimo viaggio: Portsmouth e Isola di Wight


Finalmente mi metto comoda e vi racconto del mio ultimo viaggetto... essì, come alcune di voi avranno già letto sul blog di Fedulab (che ha aggiornato giorni e giorni prima di me!), i primi cinque giorni di marzo li ho passati in Inghilterra a casa di mio fratello, a Portsmouth per la precisione. Portsmouth è un città di mare della contea dell'Hampshire, famosa per il suo porto, la casa natale di Charles Dickens e l'outlet di Gunwharf Quays; si affaccia sulla Manica ed è a quaranta minuti di traghetto dalla bellissima Isola di Wight!

1°Giorno: partenza! Dopo aver pressato in maniera pazzesca la mia valigetta per farla rientrare negli standard Easyjet, io e Gigi siamo partiti alla volta di Portsmouth... Nel frattempo, nella sua casetta Fedulab si preparava ad accoglierci con una bella sfornata di golosi muffin al cioccolato al latte. Visto l'arrivo in tarda serata, ci siamo fiondati nel fish&chips approvato a pochi passi da casa... giusto per spararci in vena una buona dose di fritto made in England.



2°Giorno: il secondo giorno è stato quello dello shopping! Dopo una bella colazione, Federica ci ha fatto camminare da mattina a sera dal centro di Portsmouth, ad Albert Road e alla zona di Southsea con Gunwharf e il suo ricco outlet (Whittard of Chelsea, Yumi e Cath Kidston, per fare qualche nome), e abbiamo fatto la spesa da Waitrose.... Per poi concludere la serata, dopo l'arrivo di mio fratello Kuki, con birra e chips in un pub strapieno e accogliente su Albert Road, il Wine Vaults.







3°Giorno: finalmente siamo tutti e quattro insieme. Così ci facciamo un bel giro in Commercial Road dove Fede acquista qualche verdurina (tra cui i miei amati parsnip! O pastinaca... ma a me parsnip piace di più!) e Gigi assaggia una jacket potato con ripieno di Cheddar e burro all'aglio (a occhi chiusi sembrava di mangiare un piatto di pizzoccheri... provare per credere!) Nel pomeriggio invece gli uomini sono andati al Fratton Park a vedere giocare il Portsmouth mentre io e Fedulab ci siamo date prima allo shopping (e più che sfrenato direi frenato dalla disponibilità sulla carta di credito hihi) e poi a un set fotografico con le sue stupende bags in riva al mare... E... c'era un vento pazzesco! Ma nonostante cio un'irriducibile girava in super shorts e infradito. Ah e un'altra cosa... il giorno prima avevo visto una bakery con dei cupcakes bellissimi, ma proprio nel momento in cui volevo prendermene uno, il negozio era chiuso... (il sabato pomeriggio tra l'altro, mistero!) Per cena abbiamo invece scelto una meta più all'americana... hamburger da Big Ernie's! E questo è il dolce mostruoso con cui abbiamo concluso la serata: un ammasso di panna spray, ciliegie candite, gelato, praline e tocchetti di brownies. Nato come dessert da condividere (in effetti ce lo siamo mangiati in quattro), in un tavolo non lontano dal nostro un altro irriducibile se lo stava gustando da solo.





4°Giorno: sveglia presto presto per andare a imbarcarci sul Wight Link e raggiungere l'Isola di Wight! Anche il caro pandino di Kuki si è imbarcato con noi, permettendoci di visitare l'isola in lungo e in largo. Appena arrivati ci ha accolto una pioggia grigia e fredda... ma in qualche modo questi colori hanno reso più emozionante la visita della chiesa e del cimitero di Sant'Elena trovati inaspettatamente on the road. Seguendo la strada costiera siamo arrivati a Bembridge con il suo imponente mulino a vento del Settecento e poi abbiamo proseguito per Shanklin un paesino con dei deliziosi cottages, dove abbiamo comprato del fudge e ci siamo fermati per una tazza di tè e uno scone nella sala di tè più decadente (in tutti i sensi!) dell'isola. Sulla via delle alte costiere di Freshwater abbiamo fatto una piccola sosta birra da White Mouse e una volta usciti ci siamo accorti di una strada sterrata che portava proprio su una scogliera a strapiombo sul mare. Ovviamente l'abbiamo seguita, trasportati dal forte vento che nel frattempo aveva allontanato le nuvole e portato un raggio di sole. Proseguendo sulla strada costiera abbiamo fotografato il paesaggio più emozionante dell'isola di Wight, con le sue distese di prati verdi, cottages e allevamenti di pecorone nere, fino a raggiungere i tre picchi e il faro di Alum Bay. Questa vista meravigliosa richiedeva una quarto d'ora di cammino a ridosso delle costiere, mentre il vento si faceva più forte. L'apice dell'instabilità del tempo è stata raggiunta proprio di fronte ai tre picchi: dal mare si sono avvicinate delle nuvole scure, e con loro la grandine! Fortissima come piccole schegge contro il viso. E poi di nuovo la pioggia e i cappotti zuppi. E ancora in viaggio verso casa...










5°Giorno: purtroppo il tempo è volato così in fretta che è già arrivato il momento di ripartire... ultimo abbraccio a Kuki e Fede, e un arrivederci pieno di voglia di tornare!


15 commenti:

  1. Che bello! Anche i miei genitori l'anno scorso sono stati due settimane nella cmpagna inglese e hanno divorato un sacco di cose buone, soprattutto fritto! (va be' che almeno in vacanza si può passare qualche limite!)
    Bellissimi i cupcakes, mi vien voglia di andarmi a "riporre"!!
    e le foto del cimitero...mi piacciono tantissimo, così come le scogliere e il mare...
    proprio come mi piace a me: il mare col maglione!
    Grazie per averci regalato un po' del tuo viaggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te per tutti questi complimenti ^^ a me il mare piace anche in estate, ma il suo fascino più assoluto si respira "fuori stagione"... in maglione come dici tu.

      Elimina
  2. questo è uno dei posti dove vorrei davvero vivere *_*

    bellissimo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se non fosse per quell'umidità terribile... ^^

      Elimina
  3. che bel viaggio!
    grazie per le bellissime foto, mi hai fatto scoprire dei posti che non conoscevo.
    buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Caia! per me è davvero un piacere condividere certe esperienze e la bellezza di certi luoghi...

      Elimina
  4. wow che meraviglia l'isola di Wight.. davvero molto english e affascinante

    RispondiElimina
  5. Si si ci siamo divertiti tra gag e schifezzuole da mangiare!
    ^_^

    RispondiElimina
  6. Ooooooh che meraviglia!!!! *___*
    Io poi adoro Waitrose :D Quest'estate, tra le altre cose, mi sono presa un cupcake al limone e crema di lavanda. Esageratamente buono XD

    Bellissime foto!!!

    p.s. Ho cambiato casa :D Adesso mi trovi qui http://la.pestifera.me :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Limone e lavanda... mi piace anche solo il suono di quelle due parole messe insieme ^^ passerò a trovarti nella tua nuova location!

      Elimina
  7. Mi sono persa questo post fantastico perdonami è un periodo di turbolenze l'anno è cominciato così così e l'andazzo non è dei migliori.... comunque bellissimo questo viaggio bellissime foto e sicuramente i sapori che avete provato rimarranno nel cassetto dei ricordi a lungo!
    Un bacione

    RispondiElimina
  8. Ciao volevo un'informazione siccome vado a Londra ed un giorno vorrei fare una capatina all isola di wight essend oche londra già l ho visitata..... Posso visitare le cose principali sn senza macchina. Ti ringrazio in anticipo x l eventuale risposta!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mmh... secondo me senza macchina è dura, nel senso che è un po' scomodo... però se passassi una notte lì diventerebbe di sicuro più fattibile. Da Londra devi andare a Portsmouth e da lì prendere il traghetto (Wight Link) che in mezz'ora ti porta sull'isola (precisamente a Ryde) http://www.islandbuses.info/networkmap01.shtml qui c'è la mappa con le tratte dei bus dell'isola... ma ho visto che si sono anche bus che fanno dei piccoli tour. prova a dare un'occhiata :)

      Elimina
  9. Io ci sono stato a maggio e fortunatamente ho trovato un tempo migliore. Davvero una perla.
    P.s. Non sei stata a visitare la Osborne House?

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...